Cino Rinuccini

Cino Rinuccini

La Vita

Cino Rinuccini è un epigono dello stilnovismo. Nato a Firenze nel c.1350 (morto nel 1417), compose poesie raffinate e arcaicizzanti. Lorenzo Medici le accolse nella "Raccolta aragonese" (1476-7). Si ricordano di lui anche interventi culturali e politici vari: nella "Risposta" (Responsiva) all'invettiva di Antonio Loschi (1397) che ci è giunta volgarizzata, difese l'interpretazione repubblicana della storia di Roma contro le tesi della cancelleria viscontea; nell'"Invettiva contro certi calunniatori di Dante Petrarca e Boccaccio" (Invettiva contra a cierti caluniatori di Dante, di Petrarca e di Boccaci) giuntaci anche questa in volgare, difende i tre poeti contro le critiche dei più fondamentalisti tra gli umanisti fiorentini.

Un madrigale formato da due terzine e un distico finale di Rinuccini. 

Un falcon pellegrin dal ciel discese
con largo petto e con sì bianca piuma,
che chi 'l guarda innamora, e me consuma.

Mirando io gli occhi neri e sfavillanti,
la vaga penna e 'l suo alto volare,
mi disposi lui sempre seguitare.

Sì dolcemente, straccando, mi mena,
che altro non cheggio, se non forza e lena.

Le Opere

  • Ci sono giunti 54 suoi componimenti, divisi tra sonetti, canzoni e ballate, si caratterizza per l'accurato recupero della tradizione tematica e stilistica dello Stilnovo, riletto alla luce della recente esperienza petrarchesca e delle novità introdotte dalla poesia musicale del tempo. Apprezzato dai contemporanei e dalle generazioni successive, alcune delle sue liriche furono inserite nella celebre antologia quattrocentesca nota con il nome di Raccolta aragonese.

Cerca Nel Sito
Search in This Site


Gambling Affiliation